Note di donne: una serata superlativa!

Spontaneamente mi è venuto in mente questo aggettivo per definire la serata di martedì 6 marzo 2018. Non vorrei, come si dice a Roma, far rosicare, quelli che non sono riusciti a venire, ma in questa occasione si sono persi proprio qualcosa di magico. Tutto perfetto: accoglienza, ambiente, letture, musica, stuzzichini e prosecco. E tante belle persone.

Pasqualina Bianchini, la nostra lettrice, in perfetta forma, ci ha deliziato con la sua voce melodica e vellutata e la sua scelta dei testi da leggere è stata veramente appropriata. Complimenti!

Le tre bravissime arpiste, Fabiana Trani, Clara Busemann ed Esra Mutlu, così coinvolte ed emozionate ci hanno trascinato in arie leggere e musiche d'altri tempi. Un po' come i panni stesi sopra le nostre teste. Ad occhi chiusi sentivano vibrare le note nella bella Cantina arredata con creatività dalla proprietaria del locale, Stefania Lettini, che ci ha fatto sentire come in Italia.

Ottima la possibilità di chiacchierare sia prima che durante pausa nel Foyer Lettinis gustando le specialità di casa Lettinis offerteci con gentilezza e professionalità dalle ragazze e da Stefania stessa. Abbiamo ripreso i contatti con soci che non vedevano da tempo mentre i nuovi ed altri ospiti si sono sentiti subito a proprio agio in un ambiente accogliente e amichevole.

Tutto perfetto, non c'è che dire. Un grazie di cuore a Ines Armanino, collegamento musicale tra noi e questa splendida arte rappresentata dalla musa Euterpe (colei che rallegra). Grazie per tutto l'impegno che ci ha messo credendoci fin dall'inizio. Tutto è filato liscio come l'olio o meglio dire come il vino (bianco, rosso e prosecco fresco e delizioso). E per chi si fosse avvicinato per la prima volta ad Italia Altrove in occasione di questo emozionante evento, non se n'è certo pentito... anzi ne è rimasto rapito.

Tornando a casa abbiamo portato con noi questa leggera e fresca aria primaverile che l'evento ci ha regalato. Grazie ancora e... alla prossima!

Quest’evento letterario e musicale è stato organizzato e realizzato pensando ad una donna speciale: Patrizia Frontini, a cui è stato dedicato.
Siamo sicure che le sarebbe piaciuto.